Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.

Anno 2009

 

Il porto di Livorno, in linea con quanto registrato in tutti i principali scali sia italiani che internazionali, ha archiviato il 2009 con una contrazione significativa dei volumi movimentati e risultati in calo per quasi tutte le tipologie di traffico. La crisi del mercato mondiale dello shipping è infatti intervenuta in coincidenza di una fase espansiva determinando pesanti ripercussioni per tutti gli scali. Per il porto di Livorno, tutti gli indicatori di traffico considerati, con la sola eccezione del movimento passeggeri traghetti e del traffico di auto nuove, delineano tassi di variazione in calo rispetto a quanto registrato lo scorso anno. La movimentazione complessiva dello scalo in tonnellate ha registrato una flessione del 21,3%, il numero dei TEUs del 24%, il numero dei mezzi rotabili sbarcati/imbarcati del 10,6%, i crocieristi del 6,3% e le navi arrivate dell’1,7%. Segnali positivi invece per il traffico passeggeri dei traghetti, cresciuto del 5,9 e per le auto nuove in sbarco/imbarco in aumento del 6,3 per cento sul precedente anno.

L’analisi dei dati mensili evidenzia tuttavia che nel corso del 2009 la contrazione dei traffici si è progressivamente attenuata. Nell’ultimo trimestre alcune tipologie di traffico come la merce in contenitori e quella in colli e numero hanno registrato valori positivi che però non sono stati in grado di bilanciare le pesanti perdite dei precedenti trimestri. Primi timidi segnali positivi che, sebbene non esaltanti, sono incoraggianti e ci inducono ad un cauto ottimismo per il futuro.

Il porto di Livorno con una movimentazione complessiva di 26.766.481 tonnellate di merci ed una flessione, rispetto a quanto registrato lo scorso anno, di 7.262.888 tonnellate ha archiviato il 2009 con una diminuzione dei propri volumi di traffico del 21,3 per cento. In calo sia la merce in sbarco che quella in imbarco con variazioni percentuali negative rispetto al 2008 rispettivamente del 19,8 e del 23,6 per cento. Alla contrazione delle tonnellate movimentate dal porto hanno concorso tutte le tipologie di traffico.

Entrando nel dettaglio dei vari settori possiamo rilevare per il settore delle merci varie un traffico di oltre 18,6 milioni di tonnellate con un perdita del 23,1% rispetto allo scorso anno distinte in 6.881.139 tonnellate di merce containerizzata, 9.606.822 tonnellate di merce su rotabili ed oltre 2,1 milioni di tonnellate di merce in colli e numero. Il settore della merce in rinfusa ha invece chiuso il 2009 con un traffico complessivo di 8.156.143 milioni di tonnellate (-16,8%) di cui 7.473.858 di rinfuse liquide e 682.285 di rinfuse solide.

In forte calo nel 2009 la movimentazione contenitori del porto che è diminuita del 24% attestandosi a 592.050 TEUs (compreso il trasbordo) di cui 289.746 TEUs allo sbarco (-23,6%) e 302.304 TEUs all’imbarco (-24,3%). Per una corretta interpretazione dei dati occorre anche ricordare che nella prima parte del 2008 il porto di Livorno aveva registrato una straordinaria crescita a causa dei problemi che avevano ostacolato l’attività del porto di Genova (blocco di inizio anno del Vte dovuto alle difficoltà del nuovo sistema informatico, inchiesta giudiziaria...) e del porto contenitori di Marsiglia (scioperi dei lavoratori nel bacino di Fos).

Il movimento passeggeri traghetti è l’unica tipologia di traffico del porto che in questo primo semestre ha registrato un risultato positivo nonostante la grave situazione economica generale e la prevista riduzione di “voglia di vacanze”. I passeggeri che si sono imbarcati/sbarcati dal porto nel 2009 sono infatti aumentati di oltre 138mila unità rispetto al 2008 pari ad un incremento percentuale del 5,9%.

2009 in flessione anche per il traffico crociere sia nel numero di scali delle navi (-107 navi) che nel numero di crocieristi (-53.737 unità) ma conforme a quanto già ampiamente previsto dalle varie compagnie di navigazione. In termini percentuali il calo, rispetto al 2008, è stato del 6,3% per i crocieristi e del 18,9% per le navi da crociera arrivate. Nel 2009 c’è tuttavia da evidenziare un risultato importante per il traffico crocieristico del porto di Livorno che, grazie all’accordo commerciale siglato con MSC Crociere, dopo alcuni anni di prova il porto non è stato più solo scalo di transito ma anche porto di partenza/arrivo (homeport) con evidenti benefici in termini di ricadute economiche per il territorio livornese.

In calo nel 2009 anche il movimento navi anche se la flessione registrata è stata ridotta rispetto a quanto registrato nei vari comparti del porto. Le navi complessivamente arrivate rispetto al 2008 sono passate da 7.636 a 7.506 (-130 unità) pari ad una contrazione percentuale dell’1,7%. Continua invece a crescere la dimensione media delle navi che anche nel 2009 ha registrato un incremento medio di 783 tonnellate di stazza lorda.

 

 

 

 

MONTHLY STATISTICS
Total cargo handling (Tons)
Container throughput(Teu)- Incl. Transhipment
Container throughput(Teu)- Excl.Transhipment
Passenger traffic
Cruise traffic

ANNUAL STATISTICS
Total cargo handling (Tons)
Container throughput(Teu)- Incl. Transhipment
Container throughput(Teu)- Excl. Transhipment
Passenger traffic
Cruise traffic

HISTORICAL STATISTICS
Total cargo handling (Tons)
Container throughput(Teu)- Incl. Transhipment
Container throughput(Teu)- Excl. Transhipment
Passenger traffic
Cruise traffic