Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.

Sede

Il quartier generale dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno Settentrionale (Livorno, Piombino, Isola di Capraia e porti dell'Isola d'Elba) si trova a Livorno, Scali Rosciano, 6/7. La sede occupa un edificio storico che fu costruito nel 1672 su commissione di un importante commerciante di origine ligure, di nome Giuseppe di Pietro Rossano (Alassio - 1621), che operò a Livorno nel VII secolo.
A partire dalla metà del 1600 il commerciante stabilì a Livorno la sua azienda, mantenendo, anche successivamente, la città labronica al centro dei suoi interessi, anche se, sia lui che la sua famiglia, non vi si insedieranno mai in maniera defintiva.
E’ proprio in questo periodo che egli, tuttavia, decide di far costruire una residenza a Livorno, dove oggi ha sede l’Autorità Portuale, presso gli Scali Rosciano, al numero civico 6/7, 57123 Livorno.

 

Il piano terreno era utilizzato dai Rossano come magazzino per le merci che arrivavano dal porto sulle chiatte, attraverso il sistema dei fossi e dei canali cittadini, che ancora oggi fanno di Livorno un esempio unico di città-porto all’interno del bacino del Mediterraneo. La famiglia abitava invece al primo piano, dove oggi si trovano l’ufficio del presidente, del segretario generale, le segreterie di presidenza e di direzione, la sala riunioni, la direzione Promozione, Studi e analisi statistiche e Relazioni Esternte. Al secondo piano si trova la Direzione Sviluppo Strategico, al terzo la Direzione Controlli Gestionali e la Direzione Amministrativa  e all’altana posta al quarto piano c'è un piccolo attico con grandi finestre dalle quali si gode un’ottima vista del porto e della città e da dove si potevano controllare l’arrivo e la partenza delle imbarcazioni. A quei tempi il sistema di sbarco e imbarco delle navi era deciso da una gara: appena la nave entrava in porto le imbarcazioni cominciavano a gareggiare tra loro per raggiungere per prime la nave: l’imbarcazione che vinceva era autorizzata a movimentare il carico. In ricordo di questa usanza, ancora oggi a Livorno, durante il periodo estivo, si svolge una gara tra imbarcazioni a remi.