This site uses cookies to improve your user experience and to gather information on the use of the site.
The joint scheme between the Authority and Think Tank Ideali

Da una parte si trova la città, che tende a volersi appropriare di alcune porzioni dell’ambito portuale, dall’altra il porto, alla ricerca di spazi funzionali alle crescenti necessità commerciali. E nel mezzo c’è quella che gli esperti chiamano la soglia abbandonata, la fascia di confine tra la comunità cittadina e quella portuale.  Una zona interstiziale  che si è andata via via ad assottigliare mano a mano che hanno preso piede, in Europa e in Italia, politiche di waterfront tese a creare spazi di connessione tra i flussi materiali dei traffici e quelli di attraversamento urbano. Una cosa è certa: il waterfront si configura, sempre più, come uno strumento di politica economica efficace e indispensabile per superare le attuali crisi recessive.

Parte da queste considerazioni il convegno organizzato dalla Port Authority e dal Movimento Ideali: “Livorno domani, una città portuale europea”,che si svolgerà giovedì prossimo all’auditorium della Camera di Commercio. Tra gli ospiti invitati figurano il segretario generale dell’Associazione dei porti europei (Espo), Patrick Verhoeven; il rappresentante dell’Associazione Ville et Ports, Denis Davoult, e l’assessore alla cultura del comune Milano, Stefano Boeri.

Gli ospiti faranno il punto della situazione e cercheranno di dare alcune importanti risposte alla crescente domanda di una integrazione tra la città e il porto. Particolare attenzione sarà data a Livorno e alla necessità di valorizzare il suo patrimonio storico e architettonico, a cominciare dalle fortificazioni buontalentiane e dal quartiere della Venezia.

 «La storia di Livorno - ha detto a nome del Think tank Ideali, Marida Bolognesi -  è strettamente collegata alle alterne vicende del suo porto, quello che occorre fare oggi è sviluppare politiche di waterfront che favoriscano una maggiore integrazione tra gli spazi urbano-portuali e la città. Ecco il perché di questo convegno: l’obiettivo è quello di creare un’occasione di discussione su un tema che è oggi particolarmente sentito. Gli interventi saranno di alto profilo ed è previsto uno spazio dibattimentale aperto al confronto di idee ed esperienze. Contiamo sulla partecipazione di tutti».

In allegato il link alla brochure: INVITO_Convegno_04Lug12.pdf

print