Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso.
La presentazione del volume: "Livorno, un porto e la sua città"

Ripensare Livorno con la stessa idea di unitarietà con cui la progettò Bernardo Buontalenti nel XVI secolo e restituire così al complesso città-porto quell’equilibrio strutturale e funzionale che si è andato perdendo a cominciare dalla fine dell’800, a causa dell’insediamento delle nuove attività industriali.

 

È questo l’obiettivo di fondo che ha portato Marco Massa, architetto di fama nazionale, a curare, per conto dell’Autorità Portuale, un volume sulla integrazione tra il porto e la città, un insieme di progetti di studi e ricerche universitarie sulle future trasformazioni dell’area portuale a seguito dello sviluppo del traffico crocieristico.

 

Nel libro, che verrà presentato giovedì prossimo nella splendida cornice della Fortezza Vecchia, alla presenza del commissario straordinario dell’APL, Giuliano Gallanti, e del primo cittadino di Livorno, Filippo Nogarin, troveranno spazio temi sensibili per la cittadinanza come quello del recupero delle cantine e dei fossi e quello della valorizzazione della Fortezza Vecchia.

 

«Da molto tempo – ha detto Massa – Livorno avverte la necessità di riscoprire la sua immagine e la sua struttura urbana. Gli studi e i progetti come quelli pubblicati possono avviare una riforma profonda delle principali correlazioni interne al tessuto urbano e definire in prospettiva un nuovo modello d’uso della città».

 

Per saperne di più siete invitati a partecipare all’evento/dibattito che avrà luogo giovedì 25 giugno nella Sala Ferretti della fortificazione medicea, a partire dalle ore 17.

print